Archivio storico sulla Resistenza


L’Archivio dell’Istituto piemontese per la storia della Resistenza e della società contemporanea “Giorgio Agosti” di Torino svolge da decenni il compito di raccogliere, ordinare e conservare gli archivi del CLN (Comitato di liberazione nazionale) e delle formazioni partigiane che operarono nella regione Piemonte.

L’archivio e stato parzialmente informatizzato utilizzando ARCHOS, un sistema integrato di catalogazione, archiviazione e ricerca, che opera sulle differenti tipologie di documenti appartenenti ai fondi e alle collezioni dell’archivio e permette di gestire e rendere fruibile in Rete materiale fotografico, riproduzioni in formato immagine di oggetti e cimeli, documenti sonori e video.

L’articolato motore di ricerca avanzata permette d’accedere a schede biografiche di persone o enti e a metarchivi ed è in grado di gestire le acquisizioni dei fondi nel corso del tempo, ordinandoli gerarchicamente.

L’Archivio cartaceo e dei microfilm si articola in due parti: i fondi originari e quelli di nuova accessione.

I fondi originari sono strutturati in due sezioni: la prima comprende materiale politico e militare, quasi esclusivamente del periodo anteriore allo scioglimento delle unità partigiane, la seconda i documenti dei Cln piemontesi concernenti l’attività successiva alla liberazione. Queste sezioni in ragione della loro struttura, non possono più essere accresciute, né riordinate secondo la provenienza delle carte.

I fondi di nuova accessione sono raggruppati secondo l’oggetto prevalente dei documenti in cinque sezioni: la sezione A comprende documenti vari di organizzazioni politiche o amministrative (missioni alleate, clero, Cln, partiti politici ecc.); la sezione B raccoglie le carte propriamente partigiane (formazioni e comandi regionali); la sezione C le carte della Rsi e quelle posteriori alla smobilitazione; la sezione D i documenti raccolti in ricerche specifiche. Ad esse si è aggiunta la sezione E, in cui è stato collocato l’archivio dell’Istituto storico della resistenza in Piemonte dalla sua fondazione nel 1947 al 1965.

Pur con lacune dovute alle vicende travagliate degli anni Cinquanta, si tratta di una documentazione rilevante soprattutto per il periodo della costituzione dell’Istituto – il primo ad essere fondato in Italia – e per l’azione svolta dai protagonisti della resistenza piemontese, in collaborazione con gli Archivi di Stato, per la salvaguardia del patrimonio archivistico resistenziale. Vi è anche presente documentazione riguardante la creazione dell’Istituto nazionale per la storia del movimento di liberazione in Italia, di cui l’Istituto fu promotore nel 1949, con l’Istituto ligure.

Tra i fondi di nuova accessione sono compresi quelli che raccolgono fonti alleate e fonti tedesche.

Sono inoltre consultabili i seguenti Archivi, con la possibilità di visualizzare alcuni documenti in riproduzione digitale:

URL: <http://www.istoreto.it/archivio.htm>

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: