I documenti diplomatici italiani (24 marzo – 22 giugno 1919)


Continua la pubblicazione gratuita online dei volumi della collana I documenti diplomatici italiani, a cura dell’Istituto poligrafico e zecca dello Stato:

ico_pdf I documenti diplomatici italiani. Sesta serie: 1918 – 1922. Vol. III (24 marzo – 22 giugno 1919). – Roma : Istituto poligrafico e zecca dello Stato, 2007. – 1080 p.  (4 MB)

“Il periodo coperto da questo volume (24 marzo – 22 giugno 1919), per quanto relativamente breve, è estremamente denso di avvenimenti e di problemi, poiché corrisponde ad una fase decisiva della conferenza di Versailles, mentre coincide con gli ultimi travagliati mesi del Ministro Orlando. Si apre infatti con la costituzionie a Parigi del Consiglio dei quattro e si chiude con le dimissioni del Ministro Orlando, a seguito del voto della camera del 19 giugno.

Inaugurata ufficialmente il 18 gennaio pomeriggio al Quay d’Orsay – lo stesso giorno della ricostituzione del Ministero Orlando – la Conferenza della pace registra proprio il 24 marzo una svolta importante con l’istituzione di un Consiglio dei quattro (Wilson, Clemenceau, Lloyd George, Orlando), accanto al Consiglio dei dieci per la trattatazione delle questioni più importanti, e ciò con il dichiarato scopo di abbreviare le discussioni e imprimere carattere più autorevole e al tempo stesso più riservato alle decisioni.

Il conflitto era terminato con gli armistizi del 1918, ma i problemi da risolvere sono numerosi e complessi, con riflessi anche sul piano militare. E la diplomazia italiana appare impegnata a tutto campo nei settori più disparati in cui si ritengono in gioco gli interessi del paese.

Accanto alle discussioni generali per la preparazione dei trattati di pace, i nodi da sciogliere sono tanti: la questione adriatica e i rapporti con il nuovo Stato serbo-croato-sloveno; l’Albania; le operazioni in Anatolia e i rapporti con la Grecia e con la Turchia; la questione dei compensi coloniali; le clausole militari e di disarmo; le riparazioni. Ma anche, naturalmente, le tormentate relazioni con Wilson e con gli alleati, i riflessi della situazione interna sulla politica estera, le contrastanti concezioni circa le linee da seguire. E poi tutta una serie di problemi particolari, di minore importanza, certo, ma comunque significativi del momento vissuto dall’Italia nelle sue ambizioni di grande potenza giovane e in ascesa”.

URL: <http://www.bv.ipzs.it/bv-pdf/0061/MOD-VP-06-1-26_963_1.pdf>

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: