Rete degli Archivi per non dimenticare: fonti documentali sul terrorismo in Italia


Il 9 maggio 2011, nel corso della cerimonia del Giorno della memoria, è stato inaugurato al Quirinale il portale Rete degli Archivi per non dimenticare.

L’idea di realizzare il portale all’interno del Sistema Archivistico Nazionale (SAN) nasce dalla volontà di valorizzare e rendere disponibili per un ampio pubblico le fonti documentali esistenti sui temi legati al terrorismo, alla violenza politica e alla criminalità organizzata.

Il progetto prende corpo nel 2005 grazie all’iniziativa del Centro documentazione archivio Flamigni, dà vita alla Rete con il convegno Archivi in rete per non dimenticare: terrorismo, stragi, violenza politica, movimenti e criminalità organizzata (Roma, 19 dicembre 2006) e si sviluppa con il sostegno, anche finanziario, dell’Archivio di Stato di Viterbo.

Alla rete aderiscono alcuni Archivi di Stato e Soprintendenze Archivistiche e numerosi archivi privati, centri di documentazione e associazioni, che hanno lavorato per conservare e tutelare la memoria storica del nostro paese riguardo alle tematiche legate al terrorismo, alla violenza politica e alla criminalità organizzata.

Attualmente il portale affronta in prevalenza il tema del terrorismo e si basa sui contenuti tratti dalla pubblicazione della Presidenza della Repubblica Per le vittime del terrorismo nell’Italia repubblicana (Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato, 2008).

I risultati del primo censimento delle fonti documentali conservate in questi archivi sono stati pubblicati nella Guida alle fonti per una storia ancora da scrivere, a cura di Ilaria Moroni, e presentati in un successivo convegno realizzato a Roma il 7 maggio 2010 sotto l’Alto Patronato della Presidenza della Repubblica.

Il portale si articola in diverse sezioni di approfondimento:

  • La rete: elenco dei partner che collaborano all’iniziativa (archivi, centri di documentazione, associazioni).
  • Passato e presente: cronologia che illustra i fatti di violenza politica interna a carattere terroristico-eversivo verificatisi in Italia a partire dagli anni ’60. Sono state utilizzate riproduzioni di pagine gentilmente concesse dagli archivi storici dei quotidiani «La Stampa» e «L’Unità», che rendono disponibile on line il proprio patrimonio digitalizzato.
  • Muro della memoria: sono ricordate 379 vittime di fatti di violenza politica interna a carattere terroristico-eversivo, verificatisi in Italia a partire dagli anni ’60. Per ciascuna vittima è presentata una foto e una scheda biografica.
  • Per approfondire: spazio di approfondimento che si articola in due sottosezioni, i fatti e (molto interessante) saggi e contributi.
  • Per non dimenticare: articolato nelle tre sottosezioni iniziative e progetti, mostre, convegni.
  • Didattica: spazio dedicato alle iniziative realizzate nella scuola e nelle università, con anche un’area riservata ai concorsi rivolti agli studenti.
  • Galleria multimediale: banca dati contenenti alcuni documenti digitalizzati, materiale audio, video e testimonianza fotografiche.
  • Trovarchivi : motore di ricerca per individuare archivi e fondi archivistici sul territorio nazionale.

URL: <http://www.memoria.san.beniculturali.it>

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: