Memoria: un film documentario sulla Shoah italiana

Memoria, scritto da Marcello Pezzetti e Liliana Picciotto della Fondazione CDEC – Centro di Documentazione Ebraica Contemporanea di Milano, è stato realizzato da Ruggero Gabbai per Forma International nel 1997 e selezionato al Festival del Cinema di Berlino.

Il film documentario propone le interviste a 90 sopravvissuti ebrei italiani al campo di sterminio di Auschwitz. E’ il racconto dalla viva voce dei testimoni delle diverse fasi della Shoah italiana, dall’applicazione delle leggi antiebraiche del 1938 allo scoppio della guerra, dagli arresti nel 1943 alla deportazione ad Auschwitz, fino alla liberazione nel 1945 e al ritorno a casa.

La versione integrale del film (durata: ca. 90 minuti) è disponibile in versione integrale, con sottotitoli in inglese, su YouTube.

Jewish Survivors of the Holocaust: testimonianze orali di ebrei inglesi sopravvissuti alla Shoah

La collezione di registrazioni sonore della British Library (BL Archival Sound Recordings) comprende una raccolta di 65 testimonianze di ebrei sopravvissuti alla Shoah.

Tutti i file audio delle interviste raccolte sono liberamente accessibili senza restrizioni.

Sono disponibili anche i file con le trascrizioni integrali di tutti gli interventi.

These recordings are powerful personal accounts of the Holocaust from Jewish survivors living in Britain

The testimonies on this site are drawn from a major oral history programme – The Living Memory of the Jewish Community – which between 1987 and 2000 gathered 186 audio life story interviews with Jewish survivors of the Holocaust and their children. It was initiated by National Life Stories based in the BL’s oral history section and funded by a number of organisations including the Harold Hyam Wingate Foundation, the John S Cohen Foundation and the Porjes Charitable Trust. A large number of volunteer interviewers, led by Jennifer Wingate and Bill Williams, were recruited and trained, and recordings were made with a wide range of survivors from many parts of Nazi-occupied Europe, with pre-war refugees (such as Kindertransport child migrants) and a smaller number of children of survivors.

The testimonies available for online access via ASR have been chosen for their representativeness but also because they are amongst the most detailed, engaging and moving of the interviews recorded. Some also feature in an online educational resource – Voices of the Holocaust – available through the BL Learning website.

URL: <http://sounds.bl.uk/TextPage.aspx?page=backgroundJewish-Holocaust-survivors>

:::

Risorse correlate:

> Ti racconto la storia: voci dalla Shoah (testimonianze orali di sopravvissuti italiani)

Ti racconto la storia: voci dalla Shoah

Sono online sul sito web dell’Archivio Centrale dello Stato di Roma, da fine settembre 2011, le testimonianze audiovisive di 433 superstiti italiani della Shoah.

L’archivio digitale è parte della più ampia racconta mondiale conservata dalla Shoah Foundation di Los Angeles, l’istituzione culturale creata da Steven Spielberg nel 1994 per la raccolta delle testimonianze dei sopravvissuti alla Shoah. Si tratta della più grande raccolta esistente di interviste audiovisive (circa 52.000, raccolte in 70 paesi e in 37 lingue diverse). Sono stati intervistati testimoni della persecuzione fascista e nazista contro gli ebrei, gli omosessuali, i sinti e rom e le vittime di esperimenti eugenetici, a partire dal 1933 e fino al termine della seconda guerra mondiale. Fra loro, i sopravvissuti ai campi di concentramento e sterminio, le persone che si sono salvate dall’arresto con la fuga o nascondendosi, chi li ha aiutati e soccorsi, e poi ancora uomini e donne appartenenti a formazioni della resistenza, soldati che hanno liberato i campi e persone che, a diverso titolo, hanno partecipato a processi per crimini di guerra.

Le 433 interviste in lingua italiana, oltre che nell’A rchivio Centrale dello Stato di Roma, sono conservate presso l’archivio dell’Istituto del Dornsife College of Letters, Arts & Sciences della University of Southern California. Il software per la fruizione online è stato messo a disposizione dalla Shoah Foundation, che permette la visione in streaming attraverso la conversione di oltre duemila filmati in formato digitale mpeg1 e flv.

L’accesso al materiale audiovisivo viene effettuato dall’utente previa registrazione online al servizio e successiva richiesta di autorizzazione; malgrado l’esistenza delle liberatorie rilasciate dagli intervistati, la particolare delicatezza delle testimonianze ha suggerito una procedura non automatica di accesso ai filmati. Le credenziali e il nulla osta vengono rilasciati comunque in tempi molto rapidi.

URL: <http://www.shoah.acs.beniculturali.it/index.php?page=Home&lang=it>